Pasticceria

STASERA BRILLERAI DI STELLE – Torta di mele invisibili

A quest’ora i pensieri diventano dono e preghiera. Puoi farli andare, certa che raggiungeranno coloro che ami, come un “gomitolo di lana” caduto in terra che si srotola e lascia andare il capofilo, affinché qualcuno lo afferri e lo ricomponga, intanto lui và …

Possiamo quasi abbracciarli e diventare parte di essi …Una piccola carezza che sussurra ancora per oggi, mentre il buio della notte è squarciato dalla luce delle stelle. Accendo il piccolo lume in sala e uno per uno i volti, dell’amica del cuore, di quella mamma che aveva quel problema, di quella che ti aveva chiesto di pregare o di quell’altra che avevi incontrato preoccupata e ti aveva scritto di ricordarla … Congiungere le mani è l’atto più potente che possiamo fare per l’altro!

E’ come dire, ehi, io ti sono accanto nell’invisibile !! NON SEI SOLO!
L’esserci è la forza più grande del cuore dell’uomo. Valica i confini di ogni distanza… È una spalla che ci abbraccia, è una presenza nel segreto, che illumina e sussurra con dolcezza, non temere, io sono con te! Paesaggi solinghi di bruma della campagna, foschie di nebbia, stelle vellutate nel cielo autunnale della sera, ali spiegate di tordi che trovano la via di casa, profumi intensi di torte di mele, cartelle colorate di compiti che mettono in colonna addizioni e tabelline a memoria,  lontani rumori, l’odore del borotalco di tutti i bambini, i solchi del lavoro nelle piane e fertili campagne, la mano di tutti gli amici che accarezza lieve, la spalla delle nostre solitudini.

E arriva il momento in cui senti pungente dentro te stessa questo bisogno di bellezza, diventa una costante, un leit motive che punzecchia l’anima incalzandone il passo e provi la necessità di guardare il cielo, in alto per scovare armonia, ami perdutamente l’altro per ritrovarlo nel suono delle parole, dei fiori detti pensieri, delle rose dette presenze, dei sogni che abitino gli alberi, della musica che faccia danzare le statue e delle canzoni che mormorino all’orecchio del cuore il valzer della  vita! Stasera brillerai di stelle … Arianna

La ricetta della TORTA DI MELE INVISIBILI inizia dalle uova. Ho sempre cura di recarmi dal contadino, avendo la fortuna di vivere nella campagna toscana e scegliere le più fresche. Se non puoi procura di acquistare al supermercato, quelle allevate a terra di categoria A!

 

INGREDIENTI validi per una tortiera di 28 cm

2 uova fresche di grandezza media

4 mele golden

noci, mandorle, nocciole tritate grossolanamente (40 grammi cadauno per un totale di 120 grammi)

panna per alimenti una confezione da 200 ml

200 grammi di farina 00

200 grammi di zucchero semolato

mezza bustina di lievito per dolci

una bustina di zucchero vanigliato

mezzo bicchiere di olio di semi

mezzo bicchiere di latte di mandorla

4 cucchiai di vin santo

Per prima cosa tagliate in 4 spicchi le mele, privandole della buccia. Ponetele in un pentolino con appena un dito d’acqua, aggiungete cannella in polvere (molto poca) e zucchero, (un cucchiaio ben colmo) e mettete sul fuoco. Fate raffreddare. Utilizzate ora il mixer. Non dovete ridurle ad una purea mi raccomando, ma solo frullarle quanto basta. A questo punto dedicatevi alla frutta secca.

Con un batticarne, frantumate grossolanamente le noci, le mandorle e le nocciole e tenete da parte. Prendete una ciotola e disponete dentro tutti gli ingredienti tranne le mele e la frutta secca e mescolate fino a togliere ogni grumo.

A questo punto aggiungete nella ciotola anche le mele e la frutta secca e molto delicatamente, mescolate dal basso verso l’alto. Prendete la teglia (io ho utilizzato una teglia quadrata ma voi potete scegliere anche una teglia tonda, o una teglia da plumcake a vostra preferenza), foderata con carta da forno o imburratela infarinandola successivamente (io preferisco questo metodo, mia nonna diceva che le torte venivano meglio se le teglie erano imburrate).

Accendete il forno a 180 gradi dieci minuti prima di infornare. Una volta versato l’impasto nella teglia, ponetela al centro del forno, modalità statica per 30/40 minuti.

Appena la torta sarà cotta, ve ne accorgerete, dal profumo e dalla prova stecchino. lasciatela raffreddare.

Una volta fredda, cospargete di zucchero a velo. Io ho preferito la teglia quadrata, perché amo servirla in quadrotti. La torta di mele è ottima a colazione, per un tea time con le amiche, straordinaria per farne un dono da portare alla vicina, all’amica del cuore, ad un parente in visita o ad una persona malata.

Voglio farti un regalo
Qualcosa di dolce
Qualcosa di raro
Non un comune regalo
Di quelli che hai perso 
O mai aperto
O lasciato in treno
O mai accettato
Di quelli che apri e poi piangi
Che sei contenta e non fingi
Ti dedicherò il regalo mio più grande!
(Tiziano Ferro)

A presto! Siate felici!

Arianna

6 Comments

  • Arianna

    Era tanto che non aprivo il sito e il tuo commento lo leggo solo ora! Grazie per le tue parole, benevolenza, ecco invece quello che traspare dalle tue! Un abbraccio immenso Vania!

  • Vania

    Mentre leggevo le tue parole, mia anima si è rienpita di nostalgia. Non ho capito bene di dove originava questa nostalgia, ma è dolce come le tue parole. Grazie 🌸

  • Arianna

    Il tuo affetto arriva altroché… Si mescola agli ingredienti ed avvolge come una coperta che sa di buono. Un abbraccio grande anche a te! Arianna

  • Daniela

    Con te tutto sa di buono ed è tutto bello. Ogni parola è un nutrimento, ne ho bisogno, come tutti credo, io da te lo trovo sempre.
    Gratitudine da Milano, ti arriva? E delle foto cosa dire? Poesia. Un grande abbraccio, Daniela

  • Arianna

    Sono io che ti ringrazio per il tuo passaggio gentile! Grazie mille Patrizia. Sei speciale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.