Pane e lievitati

FILONCINI ALLE OLIVE “Brrrrrrr … Che freddo!”

Giorni di marmellate e crostate, zuppe di carote e infusi bollenti, biscotti inzuppati nella nebbia che guarda la valle intessuta di foglie leggiadre portate dal vento grecale, montagne colme di neve creano presepi anche se è terminato natale. Quest’anno è molto più freddo, la legnaia nasconde uno scoiattolo arrivato dal bosco, che ancora non sono riuscita a fotografare. La stufa a legna ospita pane di bene e nuovi legami: sisterhood ary’s house bread! Sono felice di questa novità, fare il pane ti riconcilia con il creato, se poi ad impastarlo non sei sola, ma in compagnia di ragazze che hanno voluto con te ritrovarsi in una serra, non una serra qualsiasi intendiamoci, bensì un posto magico, circondato di fiori, ulivi e piante, oh allora il cuore esulta e ringrazia a piene mani la vita! Ho conosciuto Vittoria in occasione di un mercatino di brocante! da lì il seguito di un’amicizia fatta di impasti nella sua tenuta, la Quercia eventi in serra appunto! La scorsa settimana ha avuto luogo un workshop meraviglioso, fatto di donne e sorrisi indimenticabili. Abbiamo intrecciato pane, focacce e trecce con farina di grani antichi. Ho scovato la loro aia e galline spensierate vagavano nei campi. Legami di pane ….. 

I filoncini alle olive sono un formato di pane particolarmente gustoso, genuino e nutriente.
La ricetta, per elaborarli, prevede innanzitutto di creare un impasto, costituito da farina bianca di grano antico, (possibile riuscire a trovarla anche al supermercato) olive denocciolate, lievito madre, acqua, olio extravergine d’oliva e sale.

Una volta pronto, tale composto va lasciato riposare, affinché cresca di volume.
Quindi viene diviso in porzioni e queste sono ulteriormente manipolate, in modo da conferire loro una forma allungata. Fatto ciò, le preparazioni realizzate subiscono una seconda fase di lievitazione, ed infine sono cotte in forno. I filoncini alle olive sono ottimi sia caldi, che a temperatura ambiente. In ogni caso hanno le stesse modalità di consumo del pane comune. Ma, data la presenza delle olive, sono indicati ad accompagnare solo gli alimenti e le pietanze salate

500 g di farina di grano antico
250 g di olive nere denocciolate
200 ml di acqua
100 g di lievito madre
50 ml di olio extravergine d’oliva
10 g di sale

Prendete un contenitore capiente. In questo sistemate prima il lievito madre. Dopodiché versate sia l’acqua, che l‘olio extravergine d‘oliva. Quindi ponete al suo interno la farina ed infine il sale. A questo punto, iniziate ad impastare tutti gli ingredienti, presenti dinanzi a voi e appena la polvere avrà assorbito tutti i liquidi, aggiungete nel recipiente anche le olive. Fatto ciò, proseguite a lavorare la preparazione, fino a quando avrete realizzato un panetto omogeneo e sodo.
A causa di una giornata particolarmente umida, è possibile che il composto, che state manipolando, richieda più farina, per cui unitegliene poca alla volta, finché non si incollerà più al recipiente.
Viceversa, qualora risultasse troppo asciutto, aggiungetegli qualche goccio di acqua, in modo da poterlo lavorare agevolmente.

In ogni caso, appena il panetto sarà pronto, chiudete l’apertura del contenitore con un pezzo di pellicola trasparente.
Quindi conservate l’impasto nel forno spento e fatelo lievitare per circa 7 ore o fino a quando avrà almeno raddoppiato il suo volume.
Appena la preparazione sarà cresciuta adeguatamente, trasferitela sul vostro piano di lavoro, che avrete cosparso di farina.
Fatto ciò, dividetela in 4 sezioni, che abbiano lo stesso peso e date loro la forma come nelle imagini o comunque a vostro piacimento!

Man mano che procedete, disponete le porzioni lavorate su una leccarda, rivestita con della carta forno, sistemandole in modo distanziato.
Quando avrete finito di realizzarle, copritele con della pellicola trasparente e fatele lievitare per circa 3 ore, finché avranno aumentato il loro volume di circa la metà.

A questo punto cuocetele in forno ventilato, preriscaldato a 200°C, per 35 minuti, o fino a quando avranno acquistato un colorito dorato e, infilzandole con uno stecchino, il segmento inserito ne uscirà perfettamente asciutto.
Appena avrete ottenuto tale risultato, sfornate le preparazioni e trasferitele su un canovaccio pulito.
Quindi avvolgetele nella stoffa e lasciatele intiepidire.

Voilà, i filoncini alle olive, con lievito madre, sono pronti! Provate a cucinarli anche voi: seguite con precisione le indicazioni, che vi ho fornito, ma non dimenticate di aggiungere un pizzico di passione!

2 Comments

  • Arianna

    Carissima, ogni 500 grammi ne bastano 15 gr, di lievito di birra, sciolto in acqua tiepida con mezzo cucchiaino da caffè di zucchero o miele! Un abbraccio! Arianna

  • Marzia

    Scusami so che non e’ La stessa cosa ( conosco molto bene la panificazione)ma non avendo il lievito madre quanto lievito di birra dovrei usare per questi filoncini alle olive?grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *